Mala Noche di Martoz, giovane talento del fumetto e dell’illustrazione.

38 nottambule alle prese con il loro Malanotte, prima di rituffarsi nell’oscurità.

“Esposizione” è la parola più azzeccata.
Qui ci sono persone che si espongono.
Ci vuole coraggio per mostrarsi con tale, disarmante sincerità. Eppure la sincerità non basta.
Si può mettere tutto sul banco, rivoltare il banco, solo per constatare che rimane qualcosa di insondabile. Non si può vuotare interamente il sacco, sul fondo dell’anima rimane un ronzio.
Mettersi a nudo, certo, rivoltare il banco e rigirare la carne.
È un viaggio strano: ad ogni passo si rimane equidistanti da tutto.
Solo stando fermi osserviamo lo spazio espandersi e contrarsi tra desiderio e consenso, identità e discordia. Assonanza e Sottrazione.
Eccolo qua, il capello finemente spaccato in sottomultipli del quattro.
QUI i disegni stanno fermi mentre voi, per favore, schiacciate lo spazio.
Ricomponete i capelli, se riuscite soffocate il ronzio ributtando tutto nel sacco.
 

Lorenzo Mattotti La Stanza 3
Riccardo Mannelli A. Parlando proprio di corpo 38

Roberto Catani La Funambola 4
Giorgio Santucci

Archivio Tricromia

Stefano Ricci Sketchbook Deposito Nero n.1