La Cosa Rossa

è un esperimento iniziato il primo gennaio 2018.

Sono partita dai miei limiti reali, da ciò che non ho: sapienza tecnica e tempo.

Sono partita dai miei limiti mentali, da una convinzione radicata: non so disegnare.

E ho creato altri limiti: blocco da schizzo A 5, penna Pilot 4, pantone rosso, cartoncino nero.

Il piano d’azione prevedeva un disegno al giorno, che dopo un po’ è diventato anche un vuoto al giorno: oltre 200 disegni che continuano ad esplorare forme e formati diversi.

Il libro/taccuino, tappa attuale di questo mio viaggio, riprende la vocazione originaria del diario visivo con cui è nato il progetto. Con il patto sotterraneo di un quaderno intimo e privato in cui non sono ammessi strappi di pagine, ma solo errori che aprono la strada a nuove soluzioni visive. Un esercizio quotidiano altalenante di umori, pensieri e stati d’animo governati dal gioco della variante sul tema e da molte domande.

La Cosa Rossa può rigenerarsi all’infinito? Può diventare altro da sé? È sempre uguale e sempre diversa? O solo io la vedo diversa? Quante cose rosse possono esistere dentro una Cosa Rossa? Quante forme può assumere una Cosa Rossa? Quante possibilità nascono dal limite? E quante ne esclude il mio sentimento di inadeguatezza? Ho esplorato abbastanza? O sono appena all’inizio? Quando mi accorgerò che sarà finita? Allora La Cosa Rossa scioglierà il suo incastro? Dove arriverà?

La Cosa Rossa è un’ossessione che insegue sé stessa. Mi tormenta e mi consola. È una casa soffocante e il suo portone spalancato. È confortevole e scomoda. Lineare e contorta. Vuole mostrarsi e nascondersi. Riordinare e confondere. Vuole indicare la strada e perderla. Vuole esplorare formati più grandi.

È un groviglio multiforme che dalla nevrosi della ripetizione ha occupato lo spazio del nuovo progetto che non arrivava.

La Cosa Rossa è il mio doppio e il mio alter ego.

La Cosa Rossa sono io.

Respirare tra i segni.

Testo di Maura Picciau

Dice Manù Fiori che La Cosa Rossa è un diario intimo e visivo, nato da un esperimento e da una sfida ai propri limiti, dal bisogno di esplorare i confini di sé, quelli della propria mano inesperta ma autentica, quelli dell’alterità autonoma del segno. Vero, tutto vero, in una lettura personale che l’autrice fa della propria opera. La Cosa Rossa ha anche una data di inizio: significativamente un Capodanno, data di buone intenzioni e pagine voltate, quello dell’anno 2018. Il disegno di esordio è una Bambina, che scende lungo i pensieri di un’adulta – forse una madre o un doppio di sé nel futuro – e si allontana come per uscire dal foglio, per prendere una via diversa. Forse è ancora lei che il 30 gennaio 2018, nel disegno n. 26, osserva le stelle, fuori da una casa semplice e buia nella notte, tradizionale nel tetto a falde. Da subito La Cosa Rossa si dichiara nello stile e nell’impianto: segni sintetici che saltano fuori come da un piano di gioco, tratteggi decisi a china, tesi a racchiudere il colore rosso che anima ogni scena, profondamente vitale come il sangue.  In oltre duecento disegni l’autrice si rivela tenacemente coerente dal punto di vista formale: l’equilibrio dell’immagine, il bilanciamento tra forme e segni – minuti, ossessivi, ripetuti, spirituali – parte dal bianco della carta per poi indagare con mano delicata i temi del groviglio dei giorni, fatti di parole e passi, e domande e distanze. E poi amore e dialoghi d’amore e mille e mille incertezze.  Che Manù Fiori chiama Paura. Sono tante le linee di ricerca, gli argomenti che raggruppano i disegni di questo vasto e originale corpus grafico: le creature fantastiche che la penna definisce mentre la mente le osserva con nuovo, innocente stupore; i corpi differenti che si immergono nei segni e mutano; le mani salvifiche; le teste dagli sguardi penetranti e taglienti… Infine le Zavorre, quei macigni esistenziali che ci trattengono, ci riportano indietro. Manù Fiori le descrive con minuzia, e ce le consegna. Per alleggerirsene?

Potenti gli Alberi, dalle chiome rotonde o affusolate o piegate dal maestrale: presenze terrene e salde, sovrastanti. Confonde l’albero solitario del nero pianeta lontano (forse un’eclissi di luna?), conforta invece l’albero in cima al quale dormire sdraiati, più vicini alle nuvole.  E nello scorrere del tempo, lungo i tre anni di realizzazione della Cosa Rossa, il talento dell’autrice si scioglie e si libera, giungendo a composizioni di vera, intensa bellezza, come nel disegno n. 201 del 24 e 25 marzo 2020, quando una coppia si guarda e lo spazio tra loro si riempie di piccoli quadretti rossi e fluttuanti, precisi nelle minime variazioni, un cielo di sentimenti corrisposti e fecondi.

Il linguaggio, i molti linguaggi, e i loro malintesi e sottintesi, e le possibili incomprensioni che ciò comporta, sono al centro del recente lavoro in grande formato de La Cosa Rossa: vivere è un esercizio costante di intelligenza emotiva e di adattamento.

A noi spettatori, cui è dato scorrere quest’opera singolare nel suo racconto scoperto eppure misterioso, non resta che immergerci nel flusso di coscienza – autobiografia quotidiana e in divenire – consapevoli che se l’autrice ha inteso parlare di sé, tra sé e sé e quasi a fior di labbra, le sue parole arrivano forti e chiare. L’enunciato è lucido, i contenuti umani, sinceri.

Abbiamo già presentato

Manù Fiori

Novembre 27, 2021/da giosi
Stefano Ricci Sketchbook Deposito Nero n.1

stefano ricci

“I migranti”, “mia madre”, “il sogno”: frammenti…
Dicembre 13, 2018/da giosi

Roberto Perini

Maggio 26, 2020/da giosi

virginio vona

Novembre 22, 2017/da giosi

Matteo Pericoli

Giugno 21, 2017/da giosi

UNA CORONA DI PIUME La Scuola Marchigiana interpreta Isaac Bashevis Singer

Maggio 4, 2017/da giosi

alberto ruggeri

Appunti a margine

Illustrare articoli ed opinioni per i giornali…
Dicembre 13, 2018/da giosi

Fabian Negrin

Giugno 1, 2020/da giosi

Sergio Ponchione

Maggio 20, 2020/da giosi

Marco Ventura

Marzo 11, 2020/da giosi

a tribute to eyes

Settembre 28, 2020/da giosi

Manuele Fior

Giugno 3, 2020/da giosi

Ahmed Ben Nessib

Giugno 6, 2020/da giosi

BACINEMA un bacio tra cinema e illustrazione

Giugno 2, 2020/da giosi

La personale di UNO dall’8 al 29 giugno “QWERTY” definisce ancora oggi il sistema della tastiera alfanumerica digitale.

QWERTY, il nome dato nell'Ottocento alla tastiera della macchina da scrivere, definisce ancora oggi il sistema della tastiera alfanumerica digitale.
Sembra che il passato e il ponte che getta continuamente verso il presente siano la chiave di questo progetto espositivo dell'artista UNO, che per l'occasione lascia da parte il suo supporto d'elezione, i muri, e sceglie la carta per concentrarsi su un aspetto più intimo e inedito della sua produzione.
Maggio 31, 2017/da giosi

Chiara Rapaccini RAP

Novembre 25, 2019/da giosi

Bambi Kramer

Maggio 4, 2017/da giosi

Anne Herbauts

Giugno 11, 2020/da giosi

fabian negrin

 

Fabian Negrin nasce nel 1963 in Argentina. A 18…
Dicembre 13, 2018/da giosi

andrea ventura

Giugno 6, 2020/da giosi
Giorgio Santucci

GIORGIO SANTUCCI

Gennaio 10, 2017/da admin

Emanuele Luzzati

Giugno 3, 2020/da giosi

“Reptilia” di Benito Jacovitti

Maggio 28, 2020/da giosi

Samuele Canestrari

Giugno 7, 2020/da giosi

Maurizio Quarello

Novembre 22, 2017/da giosi

Tullio Pericoli

Novembre 22, 2017/da giosi

mercurio loi

Maggio 31, 2018/da giosi
Lorenzo Mattotti La Stanza 3

Lorenzo Mattotti

Novembre 22, 2017/da admin

Piero Macola

Aprile 30, 2020/da giosi

tullio pericoli

In mostra, nella nuova sede di Tricromia, trenta paesaggi a olio…
Dicembre 13, 2018/da giosi

Grazia La Padula

Febbraio 2, 2019/da giosi

massimo bucchi

Dicembre 13, 2018/da giosi

Beatrice Pucci

Marzo 3, 2019/da giosi
arte

Alice abita ancora qui

Gennaio 18, 2021/da giosi

otto gabos

OTTO GABOS

RACCONTO DI PIOMBO E CARBONE




 In…
Dicembre 13, 2018/da giosi

femminile singolare

ARTISTA/ Femminile e Singolare (omaggio alla galleria Giulia)

mostra…
Dicembre 13, 2018/da giosi

Stefano Ricci

Maggio 25, 2020/da giosi

Guido Giordano

Maggio 19, 2020/da giosi

Simone Massi

Novembre 22, 2017/da admin

claudio bonichi

Giugno 16, 2017/da giosi

maurizio quarello

Il richiamo della foresta

illustrazioni di Maurizio A.C.…
Dicembre 13, 2018/da giosi

Paolo Bacilieri

Novembre 3, 2021/da giosi
Roberto Catani La Funambola 4

Roberto Catani

Maggio 26, 2020/da giosi

ελλάς

Dicembre 13, 2018/da giosi

Riccardo Mannelli

Novembre 11, 2017/da giosi

matteo pericoli

Finestre sul mondo

Matteo Pericoli

A tutti è capitato…
Dicembre 13, 2018/da giosi

altan

Dicembre 13, 2018/da giosi

Claudia Palmarucci

Giugno 4, 2020/da giosi

…su Exhibitions

Seguire Exhibitions significa scoprire un modo nuovo di collezionare, aprire la propria conoscenza alle forme più originali del racconto per immagini regalandosi un’immersione fantastica in stili e sensibilità di percorsi attraverso l’opera dei talenti riconosciuti e aprendo a tutte le tecniche espressive contemporanee.

Illustratori e artisti urbani, fotografi, web-artist e 3D designer con un ricercato numero di opere nella galleria virtuale di Exhibitions si alterneranno periodicamente.

Exhibitions  collection entra nel mercato dell’arte con una chiave moderna e sostenibile per favorire l’accesso a un nuovo tipo di collezionismo con proposte fuori dai canali del grande mercato dell’arte, un investimento minimo e favorendo la passione di chi vuole arricchire, appuntamento dopo appuntamento, la conoscenza alle forme più originali del racconto per immagini.

Tricromia dal 1990 scopre, promuove ospita illustratori e disegnatori, artisti e scultori con l’amore per l’arte “semplice” del disegno e anche con spirito giocoso (è anche questo l’arte). Non si accontenta dell’evanescenza di una mostra e mette in atto una cura per fermare il movimento di quei colori che vanno e vengono, che periodicamente si posano sulle pareti bianche della galleria per poi volare altrove. Tricromia diventa anche editore d’arte. Insieme agli artisti decide di “fissare” la bellezza di quei disegni in una pubblicazione.