Alice abita ancora qui

Alice abita ancora qui è la nostra nuova avventura editoriale: un volume ideato per festeggiare il trentesimo anno di attività della galleria e per omaggiare simbolicamente tutti gli artisti che l’hanno “abitata” con le proprie opere indipendentemente dalla sede fisica, che ora ha assunto la dimensione più intima di una Home Gallery proprio in una casa privata, quella della direttrice Giuseppina Frassino.
Protagonisti del libro anniversario sono due eccezionali giovani illustratori che hanno realizzato tavole inedite appositamente per questo progetto dando una propria lettura del romanzo di Lewis Carrol: Ahmed Ben Nessib e Samuele Canestrari.
Le tavole del libro saranno esposte in mostra presso la galleria romana dal 20 maggio fino al 27 giugno 2021 (visite su prenotazione).

Arricchisce il libro un testo di Ascanio Celestini.

    dal testo di Ascanio Celestini

arte

… Io vorrei parlare dell’utopia.

Vorrei dire che abbiamo bisogno di un modello che somiglia al mondo, ma che è un po’ meglio del mondo vero. Fatto coi pezzi migliori del mondo vero, ma ripulito da quelli marci. Metterci d’accordo su quali siano quelli marci e quelli sani sarebbe già un passo avanti. Forse Giuseppina ha chiesto a Ahmed e Samuele di disegnare questo modello di mondo. Forse da trent’anni chiede agli artisti di disegnare questa utopia fatta coi pezzi buoni del mondo. E se l’utopia funziona saranno capaci di usare la matita per disegnarli, ma anche la gomma per scancellare i pezzi sbagliati dal mondo. Forse Giuseppina da trent’anni chiede agli artisti di farsi disegnare una casa per la sua Alice. Forse Alice è proprio lei.

arte

Alice abita ancora qui.

È un titolo fatto di parole. Per me Alice è Giuseppina. Abitare è quello che ha fatto per trent’anni cercando di trovare un posto per lei e i suoi artisti. Gente professionista di sogni e disegni tipo Ahmed e Samuele. Ancora è un avverbio. Indica che un’azione o un fatto non sono conclusi, ma continuano, si protraggono nel presente. C’è scritto sul dizionario.

Qui è l’utopia. 

 

 

 

 

No products found which match your selection.

arte

Samuele Canestrari  nasce a Fano nel 1996, è un disegnatore. Nel 2017 ha ricevuto il premio Scuola del Libro ad Animavì – Festival Internazionale del Cinema d’Animazione Poetico di Pergola. Ha collaborato con varie riviste, Internazionale, Gagarin orbite culturali, This Is Not A Love Song, Destroy Brandina, Malamente,  Progetto Metastasi, e CavallinoRivista (2017). Tra le sue mostre: La linea d’ombra,  Corte Zavattini 31, Cesena 2018, Mosto e caviglie ,Odeon Gallery, Bologna 2019. “An overwhelming smell of soil” nel 2020  alla Chrysalid Gallery, di Rotterdam, galleria da cui è rappresentato. Con Libri Somariil progetto editoriale che ha fondato insieme ad Ahmed Ben Nessib, giovane illustratore e regista di cortometraggi, premiato in Francia e in Italia, ha pubblicato  nel 2018 Gli uominicane non hanno la coda e  nel 2019 Mosto Libri Somari e MalEdizioni.  Altre pubblicazioni sono This is not La dolce vita TINALS 2020 e Il Battesimo del porco  MalEdizioni 2020.

Collabora con Tricromia Illustator’s International Art Gallery (Roma) dove sono state presentate le sue prime mostre “Gli uominicane non hanno la coda”,  2019 e “Il battesimo del porco“ nel 2020.

Nel 2021, insieme ad Ahmed Ben Nessib ha pubblicato Alice abita ancora qui – t/19, per le edizioni Tricromia a cura di Giuseppina Frassino con un testo di  Ascanio Celestini che accompagna la mostra omonima.

Ahmed Ben Nessib è nato a Tunisi nel 1992 ed è disegnatore e regista di cortometraggi animati. I suoi disegni sono stati pubblicati in diversi giornali e riviste tra le quali “Internazionale”, “Lo straniero” e “Cavallino Rivista” di cui è co-fondatore.
Ha studiato animazione all’EMCA di Angoulême e alla scuola del libro di Urbino.
Il suo primo cortometraggio EKART è stato pubblicato nel volume 5 dei Dvd Animazioni, Cortometraggi Italiani Contemporanei, ed è stato premiato in Francia e in Italia. « Ekart » (disegno animato, carboncino su carta) è molto introspettivo ed è la semplice riflessione di una ragazza che, in una casa allagata, osserva i vetri e trasfigura il suo sguardo. Con Libri Somari,la casa editrice che ha fondato insieme a Samuele Canestrari, giovane illustratore e regista urbinate, già vincitore di diversi premi, ha pubblicato “Ekart/la tecnica del nuotatore”, suo primo libro a fumetti e «L’assassino è sempre più confuso».

Collabora con Tricromia Illustator’s International Art Gallery (Roma) dove nel 2019 sono state presentate le sue due prime mostre “L’assassino è sempre più confuso” e Ekart/la tecnica del nuotatore”.

Nel 2021, insieme a Samuele Canestrari ha pubblicato Alice abita ancora qui – t/19, per le edizioni Tricromia a cura di Giuseppina Frassino con un testo di Ascanio Celestini che accompagna la mostra omonima.